A Milazzo

sito-blog per Milazzesi e non
Cerca nel Blog
SE CROCETTA FA RIMA CON....RICETTA.
Pubblicato da Aldo CLEMENTE in Succede a Milazzo • 26/11/2012 17:13:51




SE CROCETTA FA RIMA CON....RICETTA

Rosario Crocetta, neo Presidente della Regione Sicilia, presenta la lista degli assessori. Lo fa con un anticipo di almeno uno o due giorni sui tempi previsti, rompendo ogni indugio, prendendo le opportune distanze dai voleri e dalle indicazioni dei Partiti, non tenendo conto delle logiche e delle assurdità del passato.
Il Presidente Crocetta rende pubblica la lista degli Assessori, annunciando i nomi dei propri collaboratori. La ricetta, annunciata da subito e da sempre manifestata, in pompa magna, prevede, a dispetto dei suggerimenti dei Partiti Politici che lo appoggiano, inequivocabilmente, il rifiuto assoluto di includere nella suddetta Giunta, Deputati, da Loro imposti.
La ricetta, o la novità, chiamatela come vi pare, è indigesta ai partiti che, fino ad ora, hanno annunciato di appoggiarlo; la medicina è amara soprattutto al PD che, obbligato ad ingerire una siffatta polpetta avvelenata, avverte, ora, lancinanti mal di pancia. Nessun Deputato, dunque. Di fatto nasce una compagine di tecnici che, nelle mire del Presidente, dovrebbe risultare la panacea ai problemi Siciliani, una ricetta definita ottimale, appropriata per affrontare e risolvere i mega problemi che affliggono questa bellissima Isola.
Quello che a tutti gli effetti “sta per andare in onda”, altro non è che un abbozzo e una scopiazzata del Governo Monti nazionale, riveduto e corretto, al fine di modellarlo alle esigenze della Regione Sicilia. Ma qualcosa non quadra. Qualcuno potrebbe chiedersi, frastornato: “Se Bersani sta ufficialmente osteggiando l’ipotesi di un eventuale Governo Monti bis Nazionale, come mai lo stesso Bersani, ma anche il responsabile del PD in Sicilia, Lupo, hanno scelto di appoggiare Rosario Crocetta?” La risposta è molto semplice. A livello Nazionale, il nostro Pierluigi ambisce dichiaratamente ad ottenere la carica di Presidente del Consiglio, impossibile da conquistare in presenza di ipotesi di nuovo Governo Monti o similare. In questo caso è evidente che, a Lui e al PD, resterebbero soltanto briciole e mollica.
Nasce, comunque, la Giunta Crocetta. Ma ci chiediamo: I partiti potrebbero sempre più essere vittima di mal di pancia, a dispetto di ogni congrua terapia? L’intestino è sempre più infiammato fino a procurare coliche e diarree? Nasce il timore, o forse l’esigenza, di scontentare qualcuno, qualche lobby, qualche categoria privilegiata, con conseguente perdita di elettorato alla prossima elezione? “Non importa”. La ricetta, afferma Crocetta, è questa: infischiarsene dei Partiti Politici e mirare direttamente alla realizzazione del programma, onde sollevare le sorti di questa Regione malata. “Noi andremo avanti con la nostra ricetta, imperterriti”, Egli dice, in sintesi: 21 giornalisti capo-redattori? Non servono. Segretari con stipendi da favola, fuori da ogni logica accettabile? No, vanno ridimensionati. Spese inutili ed esagerate? Vanno riviste ed eliminate. La ricetta è tutta qui: risparmio a più non posso e che nessuno si illuda di inseguire interessi elettorali o privati. Le decisioni, i provvedimenti, le iniziative, l’intera politica attuata, avranno come obiettivo esclusivamente l’interesse della collettività ed il soddisfacimento dei relativi bisogni. Tutto bello e ammirevole.
Ma, scusate, non è una politica di destra, questa? Funzionerà? Riuscirà il Nostro gladiatore a ferir di spada? Resisterà? Il film sarà veramente quello che ci racconta Crocetta? I dubbi non sono pochi. Non dimentichiamoci le forche caudine dell’ARS, dove i vari provvedimenti devono essere poi votati. Poiché non esiste a tutt’oggi una maggioranza precostituita, le imboscate e gli agguati Parlamentari, potrebbero determinare brutti scherzi. Finché il mal di pancia dei partiti persisterà, il rischio di marcare visita è reale. Afferma il Presidente di essere sicuro di poter superare qualsiasi ostacolo perché una eventuale crisi, non farebbe altro che rafforzarlo, in una futura consultazione elettorale, nella quale i Siciliani lo renderebbero molto più forte di quanto non lo sia adesso, a suon di voti. Ma è sicuro anche della responsabilità di tutti, per cui alla fine ogni scoglio dovrebbe essere superato. Il Monti bis alla Siciliana è realtà, anche se ancora deve ottenere la fiducia. Staremo a vedere cosa succederà e, soprattutto, quanto questo Governo Regionale resterà in carica.
A proposito di Assessori, è doveroso riscontrare come spicchino nomi eccellenti e di grande rilievo, anche a livello Internazionale: Il Fisico Nucleare Antonio Zichichi, il Prefetto Nicolò Marino, il Cantautore Franco Battiato, sono solo alcuni dei futuri assessori tecnici. Mai in Sicilia si era riscontrata una rivoluzione di questa portata. L’auspicio è che, al di la delle posizioni e appartenenze politiche, questo Monti bis Siciliano possa, superati con successo cicloni e trombe d’aria, pervenire ad ammirevoli e auspicati risultati, per il progresso e sviluppo di questa amata, povera Terra.
Aldo CLEMENTE



Nessun commento





home page